Scenari da favola: la cava di bauxite di Otranto

La cava di bauxite di Otranto

Lo chiamano il “lago rosso“. E’ uno scenario naturale davvero incredibile. Sembra il set di un film fantastico, fatto di mondi lontani e incantati. Si tratta della cava di bauxite nei dintorni di Otranto, vicino a Punta Palascia e a Monte Sant’Angelo.

Una meraviglia per gli occhi: il rosso acceso della terra, il verde della vegetazione, l’azzurro del cielo. La bauxite è un minerale dal quale, a seconda dei gradi di purezza, si ricava l’alluminio. La scoperta del giacimento vicino ad Otranto risale al 1940, e da allora il suo sfruttamento è stato costante fino al 1976, momento in cui non è più stato redditizio. E’ proprio la presenza di questo minerale a dare quel colore unico alla terra. Da quando è in disuso, la cava ha trovato un fascino nuovo: tra queste dune di terra rossa, ha cominciato a ricrescere la vegetazione tipica dell’entroterra salentino e, oltre a questo, alcune infiltrazioni di una falda acquifera sottostante hanno creato un laghetto in fondo al grande cratere di terra rossa. Sempre per la presenza della bauxite le acque hanno un colore tra il blu elettrico e il verde smeraldo a seconda delle ore della giornata. Ditemi voi se non è un posto incredibile. Una tappa obbligata per chi si trova in quella perla di Puglia che è Otranto, perchè è davvero impossibile non lasciarsi affascinare da un luogo tanto suggestivo (specialmente per chi ha il pallino della fotografia).

Dimenticavo: per chi fosse fan dei Negramaro, il video della canzone “L’immenso” è stato girato proprio in questa cava. Giusto per farvi venire ancora più il desiderio di prenotare una vacanza ad Otranto, vi lascio il videoclip come colonna sonora (a questo punto obbligata) del vostro viaggio!

 

(Photo http://bit.ly/OFP3dz)

Annunci

6 thoughts on “Scenari da favola: la cava di bauxite di Otranto

  1. Dico questa cosa e poi vado a nascondermi nell’angolino…

    Io alle cave di bauxite non ci sono mai stata.
    Perdonatemi.

    Giuro che recupererò.
    E’ il dramma di chi è nato nel Sud Salento.

  2. Pingback: Come ti faccio un itinerario per il #PugliaTour | Anch'io Puglia

  3. Il mio ragazzo mi ha fatto scoprire queste bellezze dell’entroterra salentino, e non potrei essergli più che grata, i miei occhi si sono illuminati, nel momento in cui ho visto questo lago, non mi sembrava vero, mi sono chiesta, ma com’è possibile?! un contrasto di colori meraviglioso, che raggiunge il suo picco di fascino nelle prime ore del pomeriggio.
    Che dire? pane per i denti di ogni fotografo e non!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...